maggio 28, 2009

Saluti da Zagabria


ho scoperto che l'estate è arrivata solo quando sono arrivato qui. un caldo allucinante.
si sta molto bene, avevo visto questa città solo d'inverno, innevata e invivibile viste le temperature, mentre ora un sacco di gente in giro, tavolini e bar che occupano le strade, parchi aperti e in fiore, passeggiare è davvero un piacere.
con l'avvento della bella stagione anche qui è arrivato il divieto di fumare dentro i locali, cosa che fino a qualche mese fa rendeva molto esotica la città ai miei occhi di fumatore. io ci sono abituato a questo, loro si abitueranno durante tutta l'estate.
c'è anche una discreta vita notturna, l'università occupata, un bar molto centrosociale molto accogliente, e dopodomani andrò a vedere l'innauguarazione di una mostra di disegni tratti da Strah(ovi) od tame (Paura del Nero), il lungometraggio d'animazione ad episodi con firme del calibro di Mattotti, Burns e altri bravi.
mostra collegata ad un importante festival d'animazione Croato, Animafest, che Zagabria ha una grande tradizione di cinema d'animazione, il primo corto d'animazione europeo ad aver vinto l'Oscar fu proprio "Surogat" (Substitute, The Ersatz) nel 1962, film innovativo creato da Dušan Vukotić, fondatore della School of Animated Film in Zagabria.
l'anno scorso c'erano moltissimi film e cortometraggi, quest'anno è tutto più ridimensionato e sembra prendere una direzione più commerciale, ma ci sono comunque dei filmetti interessanti, e spero nel doppio sottotitolo sennò sono fregato.

maggio 24, 2009

nessuna busta opaca.

solidarietà a Sara.
qui (via Nuvoleonline) e qui (via Ernest,) trovate dei post con tutti i link e la spiegazione dell'accaduto. ho trovato l'articolo del giornale una manipolazione fastidiosa, e in più molto irritante la superficialità dimostrata dal sito di fumetti in questione.
bel fumetto, leggetevelo.

maggio 13, 2009

Un film nostalgico.


Mi è stato fatto notare che sembra una locandina di un film nostalgico.
definizione che mi ha fatto sorridere.
il titolo quasi sicuro del film è: "...e poi non succede niente"
il cast è parzialmente confermato, anche buona parte dello script e
non è ancora prevista una data d'uscita. insomma: alto mare.
speriamo in prossimi aggiornamenti.

maggio 06, 2009

Oggi in edicola.


in terza di copertina roberto e lorenzo ne dicono di veramente lusinghiere, ma davvero.
è venuto come speravo, parlo di stampa e di pagine al vivo, andare a comprarmi in edicola è stato strano.

maggio 05, 2009

Romanzo a fumetti virgolettato





Narrare con le immagini - La nuova frontiera italiana del “romanzo a fumetti”

Sabato 9 maggio 2009 alle ore 17.00
Presso la Chiesa del Carmine,
Via Libertà a Medicina (BO)

Inaugurazione della mostra “Narrare con le immagini”, La nuova frontiera italiana del “romanzo a fumetti” con gli autori di Black Velvet Editrice: Alessandro Baronciani, Claudio Calia, Alberto Corradi, Otto Gabos, Luca Genovese, Ottavio Gibertini, Paolo Parisi, Massimo Semerano, Luana Vergari

Tavole originali, proiezioni e performance di disegno dal vivo.
Avrò finalmente l'occasione di esporre le tavole di Ferragosto nella sua versione beta:
per chi non lo sa quella storia era in origine di 44 pagine, la storia è la stessa ma era raccontata in modo leggermente diverso. quando l'editore mi fece notare che alcuni passaggi non funzionavano bene, ma a livello di testo, erano un po' verbosetti e magari andava sistemato qualcosina, io "buttai via" 34 pagine e ne tenni solo 10, disegnandone di pacca nuove 50 quelle che sono poi state pubblicate. mi sono sentito dare del pazzo.
solo che non mi funzionava molto l'aggiustare il testo e basta, perchè così facendo cambiava anche la situazione, la faccia del personaggio che parlava, la narrazione il ritmo... insomma, trovare la battuta giusta per far quadrare tutto il resto della tavola cambiando solo un po' il testo mi faceva più fatica che disegnare tutto da capo.
riesco ad esporne una decina, qui ve ne metto un paio:






La mostra resterà aperta dal 9 maggio al 7 giugno

Orari: giovedì e sabato ore 10.00-12.00
Domenica ore 10.00-12.30, 15.00-18.30

maggio 02, 2009

Risalito


eccomi tornato da Napoli.
sceso venerdì per il Comicon, che quest'anno ho vissuto molto più da turista visto che la nostra cara etichetta non è più presente alle fiere, se non ospite da gentili amici quali Cani e ErnestVirgola nell'area indipendente.
un bagno di folla quest'anno, addirittura il sabato pomeriggio mentre una moltitudine di persone non poteva entrare al castello ormai costipato all'inverosimile e imprecava contro i cancelli chiusi, io sono rimasto intrappolato sul terrazzo che non mi facevano scendere per motivi di sicurezza. così ne ho aprofittato per prendere un po' di sole.
Belle mostre, una montagna di materiale di Liberatore, Ortolani e Carnevale (di cui segretamente speravo di vedere l'originale della copertina del prossimo JD, quello disegnato da me), gustose nuove uscite tra cui l'attesissimo libro di Davide Reviati per coconino, che ho letto subito subito, il sorprendente libro di Bastien Vivès uscito per Black Velvet, e "Quasi Quasi mi Sbattezzo" di Lise e Talami, veramente un gioiellino, tante facce e chiacchiere con tutti quelli che riesco a vedere solo in queste occasioni. belli tutti, sapete chi siete.

In quei giorni mi ha ospitato l'amico Maconi e ne ho aprofittato per prolungare la mia permanenza a Napoli di qualche giorno, così da frequentare un po' di più amici come Scoppetta e Rak, e conoscere l'allegra banda di fumettari, illustratori e musicisti che li circondano, Cecilia, Barbara e Marco, Dario (qui un assaggino grazie dell'EP, bello me lo sto ascoltando!) Libera (che si ricordava di me ma pensava fossi Vanzella! ;-) ) ed assistere ad un suo bellissimo concerto domenica sera, Bastien, Renato, stare un pomeriggio con Anna e farmi portare un po' in giro per la città e che qui descrive benissimo quello che abbiamo visto, scoprire la mozzarella di battipaglia e il neomelodico (che sono ancora senza parole).

ah, e comprare una valanga di fumetti nuovi,
che ho letto tutti nel luuungo viaggio di ritorno.

bel soggiorno, da fare più spesso.